dal Quartiere n° 6 - LETTERA di un abitante del quartiere e la nostra risposta PDF Stampa E-mail

 

Signori, nellopuscolo che Voi mandate nel quartiere, si legge della Vostra volontà di sollecitare lintegrazione con gli stranieri. Lidea potrebbe andar bene, se questi si ricordassero, magari ogni tanto, che da noi sono degli ospiti, arrivati per loro volere. E tentare di minimizzare certi incresciosi episodi, di recente accaduti. Cosa sintende per integrazione, civile convivenza?, quando fanno un gran baccano in ore notturne, e chi lavora, vorrebbe dormire?, e se le diciamo qualcosa, ci rispondono con frasi irripetibili, e minacce (specie le donne). Oppure, se orinano nella strada, in qualsiasi ora del giorno, e li diciamo qualcosa, ci rispondono malamente, magari con un coltello, o altro, in mano?. O quando si mettono a fare spaccio di droghe, sotto le finestre delle case?, oppure quando qualcuno di loro(specie se sono dellest) ruba, per le strade, o in appartamenti?. Evidentemente, voi non abitate nel quartiere, per avere tanta bontà danimo, oppure siete sovvenzionati dal nostro Comune, primo responsabile del degrado del quartiere. O magari, sovvenzionati dagli stessi stranieri. Statemi bene Un abitante della casba. PS. La vostra esterofilia, si capisce anche da come si chiama il vostro centro, perché NON un nome Italiano, vi fà schifo?. (lettera non firmata arrivata per posta)

Gentile residente, abbiamo notato nelle sue osservazioni molteplici errori, non sappiamo se dovuti ad una visione errata della nostra realtà di Centro di Quartiere, oppure solo a differenze ideologiche. Nell’ultimo numero del giornalino (il n° 5) abbiamo ben spiegato le nostre considerazioni riguardo la convivenza e le nostre proposte per la soluzione dei vari problemi della zona. Da quando abbiamo cominciato a frequentare e far rivivere la piazza Garibaldi con anche la collaborazione dei residenti, la situazione è migliorata, segno evidente che i problemi erano meno gravi di come la stampa li disegnava. Ciò non significa che non ve ne siano più. Per questo noi continueremo ad interessarci del quartiere e chiedere alla gente cosa a loro avviso non funziona. Per il resto volevamo informarla che alcune persone del Chico Malo abitano nel quartiere e si sono impegnate molto in questi mesi per farlo rivivere tutti i giorni.  Allo stesso modo non è corretta la sua visione sulla nostra difesa a spada tratta degli immigrati, può andare a leggere la nostra posizione sull’episodio accaduto il 1° Luglio, sul Tirreno del giorno successivo, fu una ferma condanna nei confronti di episodi inaccettabili per una società civile. La cosa che ci addolora di più, è sentire che Lei pensa che noi siamo finanziati da enti esterni. Il nostro Centro è interamente autofinanziato, paga un regolare affitto di 210 € mensili e spende altrettanto ogni mese per la stampa dei giornalini che distribuiamo gratuitamente; le maestre che aiutano i bambini a fare i compiti vengono anch’esse gratuitamente. Sappia che in giro e soprattutto a Livorno ci sono ancora molte persone che pongono i valori davanti ai soldi. Tramite cene di autofinanziamento e il contributo del Movimento Antagonista Livornese continuiamo ad andare avanti, e stia certo che continueremo a farlo perché crediamo fermamente in ciò che facciamo . E lo facciamo gratis. Saluti.

 

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi al momento.

Archivio "Il Quartiere"

Corso Canto Popolare




Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.