dal Quartiere n° 9 - "I fatti di Pistoia" PDF Stampa E-mail

 

 

Vorremmo parlare di una vicenda diventata ormai nota come “i fatti di Pistoia”. Lo facciamo perché alcuni ragazzi impegnati nelle attività del Centro di Quartiere El Chico Malo, insieme ad altre persone , sono state accusate di aver danneggiato una sede fascista di Casapuond a Pistoia. E in seguito a queste accuse sono stati arrestati.

Ne parliamo in questo giornale perché riteniamo importante ribadire che tutte le persone coinvolte sono estranee a quei fatti e che i genitori e i parenti degli arrestati hanno creato  un Comitato in loro appoggio e il loro appello ha raccolto l’adesione di molti personaggi dello spettacolo, dello sport, della politica come MARCO SUSINI (ex parlamentare DS), MARCO SOLIMANO (presidente Arci Livorno), ELLIS BUFALINI (capogruppo Pd alla Provincia di Livorno), MICHELANGELO RICCI (direttore Effetto Venezia), IGOR PROTTI (ex giocatore Livorno), CRISTIANO LUCARELLI (giocatore Livorno), MARCO FERRANDO (segretario nazionale PCL),  BOBO RONDELLI (artista), ALFIO BALDI (ex assessore politiche sociale Comune di Livorno), PAOLO VIRZI' (regista), MAURO VALENTI (direttore artistico Italia Wave Love Festival), e altre decine di persone.

Brevemente i fatti: Il pomeriggio dell’ 11 ottobre, le persone coinvolte, sono andate a Pistoia solo ed esclusivamente per prendere parte ad una assemblea presso il circolo Arci “Primo Maggio”, per trattare e discutere sul tema delle ronde, visto come emergenza democratica dopo l’approvazione del pacchetto sicurezza del Governo. Un argomento attuale che interessa la società nel suo insieme ed ha visto l’impegno di enti come  la Regione Toscana, che ha fatto ricorso al Consiglio Superiore della Magistratura per affermare l’incostituzionalità della legge sulle ronde. Presenti a quell’assemblea altre sigle della sinistra toscana, in tutto una ventina di persone di varia età, dai 17 ai 50 anni, tutte persone impegnate nell’attività sociale e politica, che invece di andare a fare una passeggiata sul mare, visto che è domenica, preferiscono l’impegno politico e civile. Niente di più democratico e trasparente.

Invece si ritrovano tutte in Questura accusate di azioni che non hanno compiuto. Questo perché ad alcune decine di metri di distanza veniva danneggiato, da parte ignoti, il circolo di estrema destra Casapound “Agogè”. La tesi della Questura di Pistoia è stata semplice e immediata: andare a pescare gli autori del danneggiamento tra i partecipanti di quell’assemblea. E lo ha fatto senza prove. Chi ne volesse sapere di più o firmare l’appello, può scaricare l’appello del genitori e il dossier sui fatti di Pistoia dal sito www.senzasoste.it.  In questa sede vogliamo ribadire l’innocenza di tutti gli arrestati, in tutto 7, e di tutti i denunciati, in tutto 4. Non ci vergognamo di dire che i nostri compagni sono stati coinvolti in questa vicenda, perché siamo certi della loro innocenza. Sono stati accusati perché militanti politici, da sempre coinvolti nell’attività politica e sociale e sempre a fianco delle classi sociali più deboli.  Alessandro e Vittorio, sempre attivi nel quartiere nell’organizzazione di iniziative per la convivenza pacifica,  e nel doposcuola a fianco dei bambini , sono tutt’oggi trattenuti agli arresti domiciliari,in attesa del processo, perché considerate persone pericolose. Tutto questo è assurdo.

 

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi al momento.

Archivio "Il Quartiere"

Corso Canto Popolare




Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.