dal Quartiere n° 12 - Il Progetto "Pensiamo in Grande" PDF Stampa E-mail

 

Il PROGETTO “PENSIAMO IN GRANDE” COINVOLGE ANCHE PIAZZA GARIBALDI E IL SUO MERCATO: IL FUTURO DI QUESTA PIAZZA RIGUARDA PRIMA DI TUTTO I SUOI ABITANTI E CHI CI LAVORA! FACCIAMOCI SENTIRE!



Cos’è e come nasce Pensiamo in Grande?

Alcuni mesi fa l’amministrazione Cosimi ha cominciato a porsi il problema della delicata questione della riqualificazione dei portici di via Grande. A causa di un vecchio accordo siglato nel ‘47, qualsiasi opera riguardante quei portici deve essere frutto di una collaborazione economica tra privati, negozianti e Comune, in qualità di comproprietari. Per far fronte a questa situazione di confronto obbligato, il Comune ha deciso di “comprare” dalla Regione Toscana una specie di pacchetto tutto compreso che contiene un percorso partecipativo guidato che dovrebbe coinvolgere attivamente i cittadini sulle decisioni. Il progetto si chiama appunto Pensiamo in Grande, e dal nome si capisce chiaramente perché è nato. Quando però poi viene lanciato, si scopre che il percorso, finanziato con soldi pubblici, riguarda invece tutto il Pentagono del Buontalenti, compresa Piazza Garibaldi: le otto piazze e strade più importanti e storiche della nostra città!  In poche parole, la giunta ha manifestato l’esistenza di piano di trasformazione urbanistica che determinerà il futuro di tutto il centro-città, e lo ha inserito dentro il pentolone di Pensiamo in Grande. In questo modo spera di ottenere un grande ritorno di immagine, dimostrandosi aperta al confronto con i cittadini. Ma oltre al pentolone, ci saranno poi anche i coperchi?

 

Cosa farà il Centro di Quartiere El Chico Malo?

Noi del Centro di Quartiere El Chico Malo di via Terrazzini siamo presenti attivamente da oltre 3 anni in questa zona con costanti iniziative in Piazza Garibaldi, tutte autogestite e autofinanziate. Poichè non siamo legati né dipendenti da alcun ente o partito, abbiamo deciso di seguire e controllare lo svolgimento di questo ambizioso progetto... Troppo spesso infatti dietro la magica parola “partecipazione” si nascondono solo scopi propagandistici, e non una volontà reale di dare spazio e legittimità alle proposte della gente. Il percorso sarà davvero accessibile? Le proposte saranno davvero valutate su un piano di parità, o ci saranno corridoi preferenziali? Ci sono davvero i finanziamenti, oppure molti discorsi sono nati apposta per rimanere sulla carta? Non è che forse molte decisioni strategiche sono già state prese, e il percorso aperto serve solo a ratificarle e a farle “digerire” meglio alla popolazione? Non è possibile né corretto avere già delle risposte: noi non abbiamo pregiudizi, e infatti ci siamo iscritti a Pensiamo in Grande, fiduciosi nel ruolo positivo di ogni momento di pubblico dibattito e confronto . Però abbiamo il dovere di porre certe domande, in quanto presenti in questo quartiere, come abbiamo già fatto nel numero scorso del giornalino riguardo alla decisione del Comune di non assumere per il percorso partecipativo i “facilitatori” di Livorno che aveva già formato (a nostre spese) l’anno scorso.

 

Il termine per partecipare al percorso è stato prorogato!

Quando come tutti i livornesi abbiamo appreso dell’esistenza del bando per Pensiamo in Grande, abbiamo subito notato che il termine per partecipare era già quasi scaduto: la scadenza era stata fissata per il 28 febbraio! Onestamente questo ci è sembrato in contraddizione con la volontà di apertura alla partecipazione dei cittadini. Infatti il termine non prevedeva soltanto l’iscrizione, ma addirittura già la presentazione scritta di proposte progettuali!.. Tutto questo mentre la “fase d’ascolto” del percorso partecipativo veniva elogiata ripetutamente sulla stampa locale. Noi del Chico Malo, mentre raccoglievamo proposte direttamente dai cittadini di Piazza Garibaldi informandoli per tempo dell’esistenza del percorso, abbiamo denunciato pubblicamente, con volantinaggi e comunicati stampa, questa strana fretta dell’amministrazione nel chiudere il bando, chiedendo spiegazioni. Il risultato del nostro intervento è stata la proroga del termine fino al 20 marzo, decisione che abbiamo apprezzato e che ci era già stato annunciata dall’assessore al turismo e commercio Bernardo durante l’incontro svolto alla circoscrizione 2 con i commercianti di Piazza Garibaldi, al quale eravamo presenti per dare il nostro contributo. Crediamo che questo primo piccolo ma importante risultato debba insegnare qualcosa: non sempre i conflitti vanno “mediati” o “gestiti”

 

Le proposte che abbiamo già presentato

Per evitare una possibile esclusione dal percorso del Centro di Quartiere El Chico Malo abbiamo deciso di intervenire subito e presentare comunque alcune nostre proposte entro il termine fissato inizialmente. Inoltre, poiché temevamo anche l’esclusione di molti esercenti, frequentatori e abitanti di Piazza Garibaldi e limitrofi, siamo andati immediatamente in piazza a informare la gente e per chiedere proposte e idee su come migliorare le cose, parlandone in prima battuta direttamente con gli interessati, e cioè commercianti e clienti, senza fare distinzioni o valutazioni. Come Centro di Quartiere abbiamo proposto intanto la realizzazione di: a) strutture ludico-didattiche permanenti per i bambini e le famiglie del quartiere (giochi, scivoli, altalene, un orto didattico ecc.) al posto di quel prato vuoto e abbandonato; b) un punto di informazione e promozione sociale autogestito senza finalità di lucro. Abbiamo anche comunicato all’amministrazione che i progetti di riqualificazione devono tener conto che Pontino e Sant’Andrea sono quartieri popolari storici, e come tali devono essere rispettati assieme a tutti i loro abitanti.Inoltre, grazie al giro che abbiamo fatto tra gli esercenti del mercatino abbiamo già raccolto circa un centinaio di idee, che abbiamo sintetizzato nel grafico qui accanto e riportato nella domanda di iscrizione. Il testo completo del nostro contributo protocollato all’U.R.P. del Comune è consultabile su www.movimentoantagonistalivornese.org. Nei prossimi giorni continueremo a elaborare proposte e a contattare la gente della piazza.

 

INVITIAMO PERO’ TUTTI GLI ABITANTI, COMMERCIANTI E FREQUENTATORI DI PIAZZA GARIBALDI A CONTINUARE A INTERVENIRE CON PROPOSTE DI ATTIVITA’CONCRETE DI QUALSIASI TIPO.INVIATE LE VOSTRE IDEE A Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. OPPURE PORTATECELE DIRETTAMENTE AL CENTRO DI QUARTIERE DI VIA TERRAZZINI 6 (APERTO MARTEDI’ DALLE 18:30 E VENERDI’ DALLE 17:30)SARA’ NOSTRA PREMURA RIPORTARE LE PROPOSTE DEGLI ABITANTI ALL’INTERNO DI “PENSIAMO IN GRANDE”Centro di Quartiere El Chico Malo – via Terrazzini 6 - 23 febbraio 2010

 

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi al momento.

Archivio "Il Quartiere"

Corso Canto Popolare




Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.